Guida Ruby on Rails: introduzione

Benvenuti! Oggi vi presento la guida dedicata a Ruby on Rails!

Nel corso di questo primo articolo affronteremo i temi fondamentali per approcciarci a questo framework: cos’è Ruby on Rails, perché scegliere di utilizzarlo e come configurare l’ambiente di lavoro nei tre principali sistemi operativi.

Senza ulteriori preamboli, iniziamo!

Cos’è Ruby on Rails

Ruby on Rails, abbreviato spesso in RoR o Rails, è un framework open source scritto in Ruby e basato sul design pattern Model-View-Control.

Analizziamo questa prima affermazione:

  • Cos’è un framework? Un framework è, in breve, un’architettura logica che facilita il lavoro del programmatore. Attraverso un insieme di librerie, il programmatore avrà, infatti, il solo compito di concentrarsi sul codice dell’applicazione stessa, evitando di ripetersi nella scrittura di funzioni già scritte e, invece, direttamente implementabili.
  • Che vuol dire Model-View-Control? Sintetizzato nella sigla MVC, questo paradigma rappresenta un pattern architetturale basato sulla separazione dei ruoli fra tre differenti componenti, per l’appunto il model, la view e il control. Nel corso dei prossimi articoli, avremo modo di approfondire i vari ruoli dei componenti e l’interazione tra essi.

Bene. Ora che abbiamo la definizione di cosa è RoR, dobbiamo capire perché utilizzarlo, preferendolo ad altri!

Perché scegliere Ruby on Rails

I maggiori vantaggi di RoR, riguardano la semplicità! Il linguaggio di scripting Ruby permette di esprimere idee, muovendosi all’interno di un codice pulito e facile da scrivere. La filosofia attorno alla quale ruota interamente RoR è riassumibile in due concetti chiave:

  • DRY – Queste tre lettere sono, in realtà, l’acronimo di Don’t Repeat Yourself. Chi conosce l’inglese, avrà intuito che ciò significa, nella pratica, l’assenza di ripetizioni all’interno del codice. Le definizioni necessitano di essere scritte un’unica volta!
  • Convention Over Configuration – Ovvero, se rispetti le convenzioni standard di Rails, non sono necessarie configurazioni aggiuntive.

Inoltre Rails è agile. Cosa vuol dire agile? Semplice! Vuol dire che Rails segue le linee guida del Manifesto per lo sviluppo agile sintetizzabili in:

  1. I singoli e le interazioni prevalgono sui processi e gli strumenti;
  2. La collaborazione dei clienti prevale sulla negoziazione contrattuale;
  3. L’adattamento alle modifiche prevale sull’adesione a un piano;
  4. Il software funzionante prevale sulla documentazione estesa;

Nella pratica i clienti e gli sviluppatori della comunità hanno più controllo sul software in corso di sviluppo e ciò rende possibile una maggiore reattività ai cambiamenti, con modifiche al codice più veloci ed efficaci. Inoltre, pur non disprezzando la comune documentazione, Rails è avvalorato da un’ampia comunità online che generalmente è in grado di soddisfare quasi ogni richiesta di supporto. Ecco i principali link delle comunità:

In sintesi creare complesse applicazioni come blog, e-commerce e social network diventa un compito meno arduo del previsto con Ruby on Rails. Tutto, infatti, ruota intorno al concetto fondamentale di gems, ovvero di librerie sempre ben documentate e facilmente implementabili e personalizzabili, attraverso le quali diventa semplice creare funzioni che altrimenti richiederebbero giorni di sviluppo.

Installazione di Rails

Le seguenti istruzioni fanno ovviamente riferimento alle ultime versioni degli OS in questione al momento della scrittura dell’articolo. Se desiderate ricevere istruzioni per differenti sistemi, oppure tramite metodi differenti, potete visitare il sito GoRails.

Windows

L’installazione su macchine Windows è, senza dubbio, la più semplice delle tre. Vi basterà effettuare il download di RailsInstaller dal sito ufficiale e seguire la procedura guidata che vi permetterà, volendo, di installare anche un sistema di Version Control come Git.

Mac OS X 10.9

Come prima cosa, avete bisogno di installare Xcode. Potete facilmente effettuare il download attraverso l’AppStore. Una volta completata la procedura, aprite il sito dedicato agli sviluppatori Apple, effettuate l’accesso e scaricate il pacchetto Command Line Tools per la vostra versione di Xcode. Installato il pacchetto, aprite il terminale e installate la versione development di RVM usando il seguente comando:

\curl -L https://get.rvm.io | bash -s stable --ruby

Appena completato il processo, aggiornate RVM all’ultima versione e installate Ruby:

rvm get stable --autolibs=enable
rvm install ruby
rvm --default use ruby-2.1.2

Infine digitate, sempre nel terminale, il seguente comando per installare l’ultima versione di Rails:

gem install rails

Linux Ubuntu 14.04

Il primo passo è quello di aggiornare alcune dipendenze necessarie a Ruby. Dal terminale, utilizzate il seguente comando:

sudo apt-get update
sudo apt-get install git-core curl zlib1g-dev build-essential libssl-dev libreadline-dev libyaml-dev libsqlite3-dev sqlite3 libxml2-dev libxslt1-dev libcurl4-openssl-dev python-software-properties

Una volta completato, potete passare all’installazione di RVM:

sudo apt-get install libgdbm-dev libncurses5-dev automake libtool bison libffi-dev
curl -L https://get.rvm.io | bash -s stable
source ~/.rvm/scripts/rvm
echo "source ~/.rvm/scripts/rvm" >> ~/.bashrc
rvm install 2.1.2
rvm use 2.1.2 --default
ruby -v

Procedete con l’installare NodeJS, indispensabile per gestire i file CoffeeScripts:

sudo add-apt-repository ppa:chris-lea/node.js
sudo apt-get update
sudo apt-get install nodejs

Finalmente, come ultimo passo, installate Rails e controllate l’avvenuta configurazione:

gem install rails
rails –v

Conclusioni

Dalle procedure d’installazione avrete capito che è richiesta una certa familiarità con la shell di comando del vostro sistema operativo, sia esso il terminale di Mac OS X o il cmd di Windows. Nel corso della guida utilizzeremo numerose volte la shell, quindi, nel caso non l’abbiate mai usata prima, vi consiglio di imparare per lo meno i comandi base come, ad esempio, spostarsi da una cartella all’altra, creare e copiare file, etc.

Inoltre, prima di proseguire nella lettura dei futuri articoli, vi faccio presente che sono richiesti, come prerequisiti, la conoscenza perlomeno basilare di HTML, CSS e JavaScript. In poche parole, dovete aver chiaro com’è costituita una pagina web.

Nel corso della prossima lezione ci occuperemo di configurare l’ambiente di lavoro, scegliendo quindi un editor e un sistema di versioning, e dando vita alla nostra prima applicazione!

GUIDA RUBY ON RAILS: INDICE LEZIONI
1) Introduzione
2) L’ambiente di lavoro e la nostra prima app
3) Un assaggio di dinamicità
4) Architettura di un’applicazione
5) Il linguaggio Ruby – Parte 1
6) Il linguaggio Ruby – Parte 2
7) Creiamo c-Bookcase
8) Convalida e test
9) Ruby on Rails: page layout
10) Guida Ruby on Rails: creiamo il carrello

Tag: , , , , , , ,

L'autore

Da sempre appassionato di nuove tecnologie, guadagno il pane quotidiano scrivendo fiumi di funzioni, tonnellate di script, sciami di variabili: insomma un infinità di codice! Amante dei viaggi e del viaggio, scompongo le mie esperienze lontano da casa in complesse logiche procedurali e in stupendi design. Ancora in cerca del tag giusto per descrivere la mia vita.

Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

23 commenti

  1. Marco
    • Marco
    • Marco
    • Luca Pipolo
  2. Simone
  3. Nicolò
    • Luca Pipolo
    • Nicolò
    • Luca Pipolo
    • Nicolò
  4. Marco
  5. Claudio

Trackback e pingback

  1. Guida Ruby on Rails: l’ambiente di lavoro e la nostra prima app | Your Inspiration Web
    […] approfondiremo nel corso delle prossime lezioni e come abbiamo accennato nell’articolo introduttivo, Rails è un framework Model-View-Controller, quindi, una…
  2. Guida Ruby on Rails: un assaggio di dinamicità | Your Inspiration Web
    […] RUBY ON RAILS: INDICE LEZIONI 1) Introduzione 2) L’ambiente di lavoro e la nostra prima app 3) Un assaggio…
  3. Guida Ruby on Rails: il linguaggio Ruby – Parte 1 | Your Inspiration Web
    […] RUBY ON RAILS: INDICE LEZIONI 1) Introduzione 2) L’ambiente di lavoro e la nostra prima app 3) Un assaggio…
  4. Guida Ruby on Rails: architettura di un’applicazione | Your Inspiration Web
    […] RUBY ON RAILS: INDICE LEZIONI 1) Introduzione 2) L’ambiente di lavoro e la nostra prima app 3) Un assaggio…

Lascia un Commento