Scatto formato PSD: Fotografia addio

editoriale4All’improvviso, improvvisiamo. Immaginazione e sudore, non piú, mai piú. Cancelliamo il superfluo, cloniamo la perfezione, ed il resto uno sterile susseguirsi di click. Qualcuno la definisce evoluzione digitale, qualcuno arte senz’anima. Qualcuno non si abituerá mai.

Cosa pensasse Niepce, in quel momento, chissá. Dal pioniere della camera oscura alla memoria flash, di strada se n’é fatta parecchia. Con l’evoluzione del pensiero artistico, immutato fino a pochi decenni fa, tutto é cambiato. Scattare é arte, in modo consapevolmente differente, tanto quanto lo é dipingere o illustrare. Spazio all’immaginazione: un fotogramma di reale irrealtá, spesso un’irreale normalitá, altre volte, semplice circostanza. L’astratta percezione dell’artista in una frazione del tempo, slow motion di emozioni racchiuse, per sempre, in quell’unico, interminabile scatto.

Innovazione idem regresso? Uno scatto, forse due, forse nessuno. Chissá cosa ne direbbe Niepsce, di Google e Photoshop. Chissá. Uno scatto approssimativo, click. Grazie fotoritocco, click. Una volta le condizioni favorevoli le si aspettava per ore, il soggetto per giorni, la scena per mesi. A volte una frazione di secondo, geniale.

Evito il teatrino nostalgico, ma ricordo nostalgicamente quanto fu. Un episodio unico, istantaneo, fra le mani. Irripetibile. Eppure la qualitá si é triplicata, positivamente, con risultati mozzafiato tanto brillanti quanto vagamente razionali: bilanciamenti perfetti, contrasti che rasentano la perfezione e colori surreali. Quale il limite, se di limite si parla?

17599323_small

Navigo spesso per i siti alla ricerca di idee altrui. Non fraintendetemi, non necessito di nuovi spunti. Voglio constatare e confrontare, vedere e criticare. Perché io sono alla vecchia maniera, non amo ritoccare le mie fotografie. A volte, lo confesso, una piccola regolata al contrasto ed una controllatina all’istogramma non la risparmio. Sono tentato, é vero, vorrei trasformare i miei scatti in scene paranormali, simili a quelle dei grandi fotografi. Che bravi.

foto01

Mi sono imbattuto in Olaf Heine, professionista del click. È abile, creativo, ma perché ricorre al fotomontaggio? Non solo ritocco, ma fotomontaggio consapevole. Immagini fuse e spacciate per fotografie, a che pro? Attenzione, peró, a non confodere gli scatti artistici con quelli necessari (o necessariamente montati) per il design pubblicitario. Lí sono totalmente d’accordo poiché cambia il target della cosiddetta opera.

foto02

Lo ammetto, da designer, certi ritocchi affascinano. Ma dov’é finita quella frazione di secondo attesa per momenti, giorni, mesi? Ho deciso e ve lo prometto: intervisteró Olaf Heine. Gli chiederó spiegazioni, perché io voglio capire, io voglio sapere, io voglio conoscere questo ipotetico motivo. Mia ostinazione? Forse lo é. Il progresso tecnologico, audiovisivo e morale da anni propone delle incognite che amplificano il mio critico interesse. Sono curioso, chissá cosa mi dirá, Olaf. Rispetto artisti come lui, spesso visionari. Che sia solo un aiuto tecnologico per aggiungere un’ulteriore dimensione alla percezione del – ed oltre il – reale?

foto03

Cosa ne pensate? Parliamone.

Tag: , ,

L'autore

Daniele Nicolosi è un freelance designer con solide basi in ambito Photoshop, Illustrator e Freehand. Scrive da anni per importanti testate online spaziando fra grafica, musica elettronica e cronaca sportiva. Attualmente lavora all'estero come sistemista informatico ed é specializzato in integrazione di sistemi. Realista e visionario, stravagante quanto basta, odia praticamente qualsiasi trasmissione televisiva contemporanea. Vive di cinema, fotografia, giornalismo e sintetizzatori analogici.

Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Altri articoli

Ecco qualche altro articolo che potresti trovare interessante:

  • É finalmente online il nuovo YIM: buona lettura!

    L’attesa è stata estenuante, I preparativi di questa edizione hanno richiesto più tempo del previsto, ma finalmente ce l’abbiamo fatta: il...

  • HTML: Il tag <button>

    Il tag HTML <button> serve a creare un pulsante generico Definizione e utilizzo Il tag <button> viene utilizzato per creare un pulsante...

  • And the winner is…

    Due settimane fa t’avevamo chiesto, tra alcuni spot pubblicitari di tre prodotti differenti, d’indicarci quello che maggiormente aveva colpito...

3 commenti

    • Daniele Nicolosi

Trackback e pingback

  1. Scatto formato PSD: Fotografia addio
    [...] Scatto formato PSD: Fotografia addio mercoledì 1 luglio 2009 | Tratto da: https://www.yourinspirationweb.com/ [...]

Lascia un Commento