Editoriale: quando le idee sono IN e la moda è…OUT

editoriale1“Fenomeno sociale che consiste nell’affermarsi, in un determinato momento storico e in una data area geografica e culturale, di modelli estetici e comportamentali, nel gusto, nello stile, nelle forme espressive”.

Fonte: Enciclopedia Treccani

Moda. Nata per necessitá, evolutasi in quel che amo definire come “il pensiero nascosto dell’introversione esibizionista”. Storicamente riservata alla nicchia aristocratica, ossessa dai principi di distinzione sociale, mantiene oggi le proprie radici, estremizzando il concetto e condizionando qualsiasi forma artistica e rappresentando una vera e propria – permettetemi il gioco di parole – anticamera dell’anticreativitá.

bal-galop

clones-istockphoto-smallIpse Dixit. Uno dice, cento fanno. E se fossero solo cento, l’era del trash mediatico sarebbe da tempo stata condannata a marcire, pronta per la grande fiaccolata. La valenza sociale rimane comunque indiscussa, ipnotica come non mai, modaiola da morire ed insensatamente contraddittoria. Se l’aristocrazia settecentesca identificó nella moda la propria sorgente di distinzione, oggi la stessa si materializza in un’incredibile cliché di massificazione. E – concedetemelo – di simile, alle due correnti, é rimasta solo la rima nella succitata definizione.

Tradotto: una moda, quando é moda, design parlando, é giá obsoleta. Peccato capitale ispirarsi ad uno stile sulla via del tramonto. Design é futuro, la progettualitá deve oltrepassare certi confini, ed attenzione quando il confine diventa un limite. Due possibilitá. Navigare sulla cresta dell’onda o guardare oltre, innovando.
Parlo pure della pseudoinnovazione a rate che da anni, decenni anzi, ci viene proposta-(imposta) dal mercato tessil-stilistico. I vari guru – cosiddetti visionari – altro alle spalle non hanno che una solida struttura di marketing e le risorse economiche per stupire e rincitrullire la folla con la potenza del proprio marchio.

Attingere dai tempi che furono, tali “seventies”, e riproporre in chiave moderna gli elementi-fulcro del periodo piú brillante e creativo nonché fonte intellettuale over-the-top dell’ultimo secolo, per me è un paradosso che assolutamente non condivido.

gelb-155332_l Aggiungendo al tutto una girandola stagionale di colori “in-out” si dá il via ad cocktail di assurditá senza precedenti.

Se tutto ció fosse vero, se dovessimo forzatamente seguire la moda – questa – dei colori imposti e se il designer “colto” ne risentisse al punto da farsi influenzare, spiacente, cambierei settore.

In questo caso non esiste affermazione piú idonea di “La natura creó i colori, la scienza li motivó, il (vorrei essere un) designer li distrusse”. Quando un colore diventa lo stereotipo proposto a migliaia di persone, unite nell’unico intento di indossare quel che viene imposto dall’alto della piramide mediatica, siamo proprio giunti al limite menzionato in precedenza.

Il designer puó e deve segnare nuovi confini con la propria creativitá, quella vera, visionaria e nascosta. Magari snobbando le mode, i colori e gli stili “in-out”, puntando alla bellezza essenziale poiché un capolavoro, lasciatemelo dire, é arte senza tempo.

Tag: ,

L'autore

Daniele Nicolosi è un freelance designer con solide basi in ambito Photoshop, Illustrator e Freehand. Scrive da anni per importanti testate online spaziando fra grafica, musica elettronica e cronaca sportiva. Attualmente lavora all'estero come sistemista informatico ed é specializzato in integrazione di sistemi. Realista e visionario, stravagante quanto basta, odia praticamente qualsiasi trasmissione televisiva contemporanea. Vive di cinema, fotografia, giornalismo e sintetizzatori analogici.

Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Altri articoli

Ecco qualche altro articolo che potresti trovare interessante:

8 commenti

    • Daniele
    • Daniele Nicolosi
    • Daniele Nicolosi
    • Daniele Nicolosi

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback disponibili per questo articolo

Lascia un Commento