Clienti serpenti: riconoscerli e evitarli (2a parte)

clientiserpenti1In questo articolo abbiamo fatto la conoscenza con una simpatica tipologia di cliente: il cliente serpente, il cui scopo è quello di sfinire, sfiancare e sfogare su di noi le sue frustrazioni e/o psicosi. In particolare abbiamo parlato degli agghiaccianti gusti estetici del cliente cafone e delle paturnie finanziarie del cliente spiantato. In questo articolo faremo la conoscenza del petulante e del maniaco, altre due sottotipologie di cliente serpente con cui potremmo avere a che fare.

IL PETULANTE – Come riconoscerlo

Tratti distintivi:

  1. Se ha postato un annuncio nel forum, dopo due mesi e decine di risposte è ancora alla ricerca. Prima di contattarlo, chiediti il perché.
  2. Esordisce lamentandosi delle altre 36 agenzie grafiche con cui ha avuto a che fare e che, poverino, l’hanno derubato/seviziato/truffato senza motivo.
  3. A sentirlo parlare, non si capisce perché voglia delegare il lavoro ad una terza persona, dato che è convinto di avere tutte le competenze necessarie per farsele da solo.
  4. Si comporta come se ogni grafico avesse una macchinetta automatica “creabozze” che fa tutto il lavoro e quindi pretende 5 bozze nell’arco di due giorni lavorativi. Ovviamente, nonostante quelle cinque bozze siano più che valide, lui ne pretenderà delle altre perchè le prime non lo convincono abbastanza.
    Stai attento: con questo tipo di cliente potresti fare centinaia di tentativi prima di capire che non potrai mai soddisfarlo, dato che è un incontentabile perenne.

Frasi comuni:

  1. «- Fossi in te il logo lo metterei a sinistra….e proverei una sfumatura a 90°… -»
    E altri consigli del genere, sempre non richiesti e mai utili, snocciolati come se noi non potessimo vivere senza.
  2. «- Voi si che fate una bella vita…lavoro di ufficio, comodi, con tutti questi soldi che pretendete, per fare due disegnini…-»
    E altre tecniche più o meno sottili  per denigrare il lavoro che facciamo e per farci sentire degli spietati truffatori che vivono sulle spalle dei lavoratori onesti.

Consigli:

So che a questo punto ti aspetterai da me un consiglio professionale, spassionato e soprattutto composto. Ma sono reduce da un cliente del genere e tutto ciò che ti posso dire, di cuore, è: SCAPPA! E non voltarti. Questo tipo di clienti è il più pericoloso perché attenta, e in modo molto subdolo, alla tua sanità mentale.

IL MANIACO: Come riconoscerlo

Tratti distintivi:

  1. Richiede aggiornamenti in continuazione: che sia un cambio di immagine o una parola, l’importante è cambiare, modificare, spostare, cancellare.
  2. E’ cronicamente competitivo. Il che vuol dire sorbirsi continui paragoni tra il suo sito e quelli dei suoi concorrenti, che chissà come gli sembrano sempre migliori e invidiabili.
  3. In caso di problemi temporanei con l’hosting e con il sito irraggiungibile, nasce una piccola tragedia greca. Ed è inutile dirgli che può anche evitare di cliccare ripetutamente e in modo ossessivo aggiorna/aggiorna/aggiorna, che nel caso lo avvertiamo noi: no, lui dev’essere lì, quando la sua creatura sarà di nuovo reperibile.
  4. Una buona percentuale di questi individui, raggiunta  la matura età, si ammala. Contrae la “mania delle statistiche”, per cui controlla ripetutamente e ossessivamente le statistiche di accesso al suo sito, segnandosi tutti gli IP perché sicuramente tutti i visitatori sono in realtà concorrenti travestiti da utenti normali,  e tante altre assurdità del genere.

Frasi comuni:

  1. Questa domenica, rispetto alla domenica scorsa ho avuto un incremento di traffico dello 0,3%. Secondo lei a cosa è dovuto?
  2. Oggi, facendo i miei quotidiani tentativi su google con le chiavi di ricerca, ho notato che sono sceso dal 3° al 4° posto! Che cosa sta succedendo alla mia indicizzazione??
  3. Il mio computer è come impazzito, fa tutto da solo, come se fosse comandato a distanza*…Aspetti, ho capito…sicuramente un mio concorrente ha preso il controllo del mio computer! E ora come faccio?

*ti do la mia parola che è successo veramente.

Consiglio:
Prima di lamentarti, pensa a chi questi individui se li deve sorbire quotidianamente. Pensa alla stola di fidanzate, mogli, mariti, figli costretti a subire giorno dopo giorno una convivenza con questo tipo di cliente. Immedesimati anche solo per un istante. Brrrrrr.

E i vostri clienti, sono serpenti?

Hai avuto a che fare anche tu con qualche cliente serpente? Condividi con noi le tue esperienze!

Tag: ,

L'autore

Web designer, lavora nel campo della grafica e dello sviluppo web da sei anni e al momento oltre a collaborare con una web agency gestisce con successo la sua attività di freelance sotto il nome di mascara design. Come molti freelance si è abituata a gestire più ruoli, spaziando dalla grafica cartacea allo sviluppo del codice xhtml e css; nonostante questo la sua passione rimane, sempre e comunque, la grafica per il web.

Sito web dell'autore | Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

6 commenti

  1. Daniele
  2. Lùca

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback disponibili per questo articolo

Lascia un commento su Lùca Cancella commento