Guida CSS3: pseudo classi e pseudo elementi

Bentrovato a questo nuovo articolo della guida CSS3! Come preannunciato nel capitolo precedente, quest’oggi ci occuperemo di pseudo classi e pseudo elementi.

Ti sarà capitato spesso di voler applicare uno stile a degli elementi non proprio ben identificabili del tuo HTML, ad esempio agendo sull’aspetto dei link già visitati, sulla prima lettera di un paragrafo o ancora su tutti i titoli h1 che non hanno una specifica classe associata. Bene, le pseudo classi e gli pseudo elementi servono proprio a riferirci a queste specifiche porzioni di codice! Iniziamo il nostro percorso dalle pseudo classi associate ai link che, essendo anche presenti nella versione 2 del linguaggio CSS, risulteranno più familiari.

Pseudo classi per link — a

Le pseudo classi associate ai link, quindi al tag a, sono generalmente legate alle azioni che l’utente può compiere tramite esso:

  • a:visited — modifica l’aspetto di un link già visitato dall’utente;
  • a:hover — modifica l’aspetto di un link nel momento in cui l’utente posiziona il cursore su di esso;
  • a:active — modifica l’aspetto di un link nel momento in cui l’utente clicca e tiene premuto il pulsante del mouse su di esso, ovvero in quella frazione di tempo in cui il link resta “schiacciato”;

Un semplice esempio potrebbe essere:

Esempio pseudo classi link

a:hover {
     color: #FF0027;
}

a:active  {
     color: #D900FF;
     text-decoration: underline;
}

a:visited {   
     color: #D900FF;
     text-decoration: underline;
}

Pseudo elementi per paragrafi — p

I paragrafi hanno due specifici pseudo elementi che ci permettono di modificare la prima lettera e la prima linea per ricreare fedelmente effetti tipici della tipografia ai tempi in cui il web non esisteva e le parole restavano impresse su carta.

  • :first-line — modifica l’aspetto della prima riga di un paragrafo;
  • :first-letter — modifica l’aspetto della prima lettera di un paragrafo;

Combinando insieme questi due elementi, si possono ottenere effetti tipografici di impatto come:

Selettori capolettera e prima riga

p {   
    text-align: justify;
    width: 400px;
}

p:first-letter {  
    font-size: 46px;
    margin-left: 20px;
    color: red;
}

p:first-line {   
    line-height: 18px;
}

Pseudo classi e pseudo elementi generali

Alcune pseudo classi e pseudo elementi sono anche più versatili e, oltre che ai link e ai paragrafi, possono essere quindi utilizzati in associazione a molteplici tag. Ad esempio:

  • :focus — è una pseudo classe che agisce pressappoco come :hover modificando, non unicamente link, bensì campi di testo, input, text area e campi di password che vengono “selezionati” tramite click o tab dall’utente.
    input:focus {
        border: 2px solid red;
    }
    
  • :before & :after — sono due pseudo elementi che ci permettono di aggiungere del contenuto prima (:before) e dopo (:after) il tag selezionato. Ad esempio:
    p.prova:before {
    	content: “Di seguito un testo di prova:”;
    }
    
    p.prova:after {
    	content: “Il precedente era un testo di prova.”;
    }
    
  • ::selection — permette di specificare uno stile per qualsiasi elemento selezionato dall’utente. Ad esempio potremmo voler indicare che del testo selezionato, normalmente segnalato in blu dai browser, venga indicato dal colore rosso.

    Selettore colore selezione

    p::selection {
    	background-color: red;
    	color: #FFF;
    }
    

Due cose vanno, però, specificate:

  1. eh sì, selection è preceduto da ::, non è un errore! Il CSS3, in realtà, differenzia le pseudo classi (singolo :) dagli pseudo attributi (doppio ::), proprio grazie a questo stratagemma. Nei precedenti esempi (:first-line e :first-letter) per motivi di retro compatibilità è stata scelta la vecchia sintassi invece del :: obbligatorio questa volta;
  2. alcuni browser non supportano selection (ad esempio Internet Explorer) mentre altri (come Mozilla Firefox) necessitano di uno specifico vendor-prefix come ::-moz-selection;

Selezionare tramite attributi

Una delle novità più interessanti introdotte dal CSS3 è senz’altro la possibilità di selezionare tag specificando, all’interno di parentesi quadre, l’attributo ad esso associato. Ad esempio, potremmo voler modificare tutte le immagini che posseggono l’attributo title e scrivere quindi:

img[title] {
	border: 2px solid red;
}

Oppure potremmo voler modificare tutti i tag input di tipo text:

input[type=”text”] {
	background-color: #CCC;
}

Oppure ancora potremmo differenziare tutti i tag a, distinguendo tra quelli che rimandano a link esterni, e iniziano quindi per http://, e quelli interni. Per far ciò scriveremo:

a[href^=”http://”], a[href^=”https://”] {
	color: red;
	text-decoration: underline;
}

Come puoi notare ho utilizzato il suffisso ^ per indicare di prendere in considerazione tutti gli attributi href che iniziano con http:// o https://. Se avessi, invece, voluto modificare i link che terminavano con una particolare estensione avrei dovuto usare un altro suffisso: $.

a[href$=”.pdf”] {
	color: green;
	text-decoration: underline;
}

Infine potrei indicare tutti i link che, all’interno dell’attributo href, richiamano un determinato termine:

a[href*=”test”] {
	color: purple;
	text-decoration: underline;
}

Tutti gli esempi citati ci permettono di ottenere questo effetto finale:

Esempio riepilogo

Selezionare tramite ereditarietà

Un altro utilissimo metodo per selezionare elementi “fantasma” è quello che si avvale dell’ereditarietà. Ad esempio, immaginiamo di avere un tag body, che contiene un tag ul che, come consuetudine, contiene a sua volta molteplici tag li:

<body>
	<ul>
		<li>uno</li>
		<li>due</li>
		<li>tre</li>
		<li>quattro</li>
		<li>cinque</li>
		<li>sei</li>
	</ul>
</body>

Come possiamo applicare uno stile agli elementi li senza necessariamente dover ricorrere a id e classi specifiche? Attraverso questi semplici pseudo elementi:

  • :first-child — ci permette di selezionare esclusivamente il primo elemento della lista;
  • :last-child — ci permette di selezionare esclusivamente l’ultimo elemento della lista;
  • :nth-child — ci permette di selezionare praticamente qualsiasi altro elemento della lista. Ad esempio con :nth-child(odd) selezioniamo gli elementi dispari, con :nth-child(even) quelli pari. Oppure, se volessimo aumentare la complessità, selezionando un elemento ogni tre partendo dal primo, useremo :nth-child(3n+1), dove 3n rappresenta il terzo elemento della lista e +1 indica l’indice dal quale iniziare il conteggio;

Otterremo, quindi, facilmente un risultato di questo tipo:

Selezione per ereditarietà

Potremmo anche volerci riferire ai tag utilizzando altri “legami di parentela”, usando il concetto “fratello di” invece che “figlio di”. Ad esempio in una struttura:

<h2>Titolo 1</h2>
<p>Lorem ipsum Proident veniam cillum est </p>
<p>Lorem ipsum Proident veniam cillum est </p>

i tag p non sono “figli di” h2 poiché non sono contenuti in esso. Possiamo utilizzare la sintassi h2 + p e quindi il concetto “fratello di”, per selezionare il primo, e solo il primo, dei tag p.

Selezione primo elemento

h2 + p {
	text: underline;
    }

Il selettore :not

L’ultimo selettore che tratteremo oggi è un selettore inverso, ovvero ci permette di riferirci ad un tag che non possiede un determinato id o classe. Ad esempio:

Selettore :not

p:not(.prova) {    color: red;
   text-decoration: underline;
}

Conclusioni

Come consuetudine tramite questo link puoi scaricare l’intero codice sorgente contenente tutti gli esempi citati nel corso dell’articolo. Per qualsiasi dubbio, perplessità, appunto o suggerimento, ti rimando ai commenti: sarò lieto di risponderti!

Nel prossimo capitolo parleremo in modo più approfondito di ereditarietà. Non perdere l’appuntamento: ti aspetto!

GUIDA CSS3: INDICE LEZIONI
1) Introduzione e selettori
2) Pseudo classi e pseudo elementi
3) Ereditarietà
4) I font – parte prima

TEMI E PLUGIN WORDPRESSGRATUITI & PREMIUM

  • Scegli il tema o il plugin che più si addice al tuo business online
  • Scaricalo e installalo gratuitamente, con pochi clic
  • Quando sarai sicuro della tua scelta,
    passa alle funzioni avanzate
Your Inspiration Themes >
Tag:

L'autore

Da sempre appassionato di nuove tecnologie, guadagno il pane quotidiano scrivendo fiumi di funzioni, tonnellate di script, sciami di variabili: insomma un infinità di codice! Amante dei viaggi e del viaggio, scompongo le mie esperienze lontano da casa in complesse logiche procedurali e in stupendi design. Ancora in cerca del tag giusto per descrivere la mia vita.

Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

  • css3-ifont-1
    Guida CSS3: i font – parte prima

    Bentrovato a questo nuovo appuntamento con la guida CSS3! Quest’oggi affronteremo un tema fondamentale: l’utilizzo di font, predefiniti e...

  • guida-ccs3-ereditarietà_social
    Guida CSS3: ereditarietà

    Bentrovato ad un nuovo appuntamento con la guida CSS3! Nel corso di questo articolo ci soffermeremo su un aspetto fondamentale che condiziona...

  • css3-1
    Guida CSS3: introduzione e selettori

    Benvenuto! Quest’oggi inauguriamo un nuovo filone di articoli che andrà, progressivamente, a formare un’esaustiva guida ai CSS3. Poiché in...

6 commenti

  1. Tommaso
    • Luca Pipolo

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback disponibili per questo articolo

Lascia un Commento