Il modello Flexbox e il suo funzionamento

Il modello di layout Flex è stato introdotto per aggiungere una funzionalità adattabile alle nuove esigenze responsive delle applicazioni web. Fino alla sua introduzione esistevano quattro principali modelli di layout:

  • block — il modello generale;
  • inline — principalmente pensato per posizionare blocchi di testo;
  • table — utilizzato per posizionare tabelle:
  • positioned — vale a dire absolute, fixed, static e relative, che consentono di posizionare elementi in maniera indipendente.

Il modello Flex possiede delle caratteristiche in grado di riposizionare gli elementi a seconda delle dimensioni del contenitore e si rapporta a due assi: il main axis (orizzontale – x) e il cross axis (verticale – y).

W3C flex-direction axis

L’immagine precedente è presa dalla sezione del W3C che tratta direttamente l’argomento Flexbox ed esemplifica in maniera chiara il funzionamento del modello.

Impostazioni iniziali

Per esemplificare il funzionamento delle varie proprietà del modello Flex, utilizziamo dei semplici parametri iniziali.
Il contenitore ha uno sfondo blu, mentre gli elementi, numerati, sono di colore arancio con bordo bianco. In realtà il bordo bianco lo otteniamo tramite box-shadow inset per mantenere gli esempi compatibili con Internet Explorer, il quale calcola il bordo come un’aggiunta alle dimensioni degli elementi.
Impostiamo inoltre una dimensione semi-fissa per il contenitore (w100% * h200px) e una dimensione relativa per gli elementi (25% * 25%), in modo da avere una visione più omogenea dell’esempio.

flex-direction

Regola la scelta dell’asse lungo il quale il contenitore allinea gli elementi e la loro direzione.

flexbox-guide-flex-direction

  • row distribuisce gli elementi da sinistra a destra lungo il main axis;
  • row-reverse agisce come row, ma da destra a sinistra;
  • column distribuisce gli elementi dall’alto verso il basso lungo il cross axis;
  • column-reverse agisce come column, ma dal basso verso l’alto.

flex-wrap

Definisce se gli elementi devono essere distribuiti lungo l’asse oppure no. Definisce inoltre la direzione di distribuzione.

flexbox-guide-flex-wrap

  • nowrap stabilisce che gli elementi non devono essere distribuiti su più righe o colonne;
  • wrap stabilisce che gli elementi devono essere distribuiti su più righe o colonne in modo da mantenere le loro dimensioni prefissate;
  • wrap-reverse agisce come wrap, ma gli elementi devono seguire il senso contrario dell’asse.

justify-content

Definisce la gestione dello spazio residuo tra gli elementi lungo il main axis.

flexbox-guide-justify-content

Per le colonne

flexbox-guide-justify-content-columns

  • flex-start posiziona tutti gli elementi all’inizio del contenitore, lasciando lo spazio residuo dopo l’ultimo elemento;
  • flex-end posiziona tutti gli elementi alla fine del contenitore, lasciando lo spazio residuo prima del primo elemento;
  • center posiziona tutti gli elementi al centro del contenitore, distribuendo lo spazio residuo in modo uniforme prima del primo elemento e dopo l’ultimo elemento;
  • space-between distribuisce lo spazio residuo in modo uniforme tra gli elementi;
  • space-around distribuisce lo spazio residuo in modo uniforme attorno gli elementi;

align-items

Definisce la distribuzione dello spazio residuo tra gli elementi lungo il cross axis.

flexbox-guide-align-items

  • flex-start agisce come quello di justify-content;
  • flex-end agisce come quello di justify-content;
  • center agisce come quello di justify-content;
  • stretch allunga gli elementi per coprire l’intera altezza del contenitore, eliminando lo spazio residuo;
  • baseline allinea gli elementi seguendo la baseline del testo in essi contenuto. Come si può osservare nell’esempio, il testo dei tre elementi ha dimensione differente. L’elemento con il testo di dimensioni maggiori viene posizionato all’inizio dell’asse e gli altri elementi vi si allineano seguendo la baseline del testo.

align-content

Funziona esattamente come justify-content, ma si applica al cross axis.

flexbox-guide-align-content

Proprietà degli elementi

Gli elementi hanno delle proprietà che ci permettono di attribuire loro comportamenti collettivi o indipendenti.

Nell’esempio seguente ho indicato il valore corrispondente all’interno dei vari elementi.

flexbox-guide-children-properties

  • order definisce la posizione dell’elemento nell’ordine degli elementi. Se order non è impostato, gli elementi vengono ordinati secondo il loro ordine di creazione. Accetta solo un valore numerico positivo.
  • flex-grow stabilisce l’ordine di ridimensionamento degli elementi: più alto è il valore, più l’elemento si espande per occupare lo spazio residuo. È necessario specificare un valore di base (ad esempio flex-grow: 1;) per gli elementi che non devono espandersi.
  • flex-shrink, come per flex-grow, più alto è il valore, più l’elemento si restringe. Non è necessario specificare un valore di base.
  • flex-basis stabilisce la dimensione base che gli elementi devono raggiungere prima di iniziare la gestione dello spazio residuo.
  • align-self sovrascrive l’allineamento predefinito per l’elemento.

Proprietà non supportate

Proprio per le sue caratteristiche di allineamento e distribuzione automatiche degli elementi, il modello Flexbox ignora/altera il funzionamento di alcune proprietà.

  • float e clear vengono ignorati dagli elementi di tipo Flex.
  • vertical-align viene ignorato.
  • Tutte le proprietà di column- non sono utilizzabili per gli elementi di tipo Flex.
  • ::first-line e ::first-letter non sono utilizzabili.
  • Un elemento con position: absolute non parteciperà al riordinamento degli altri elementi.

Supporto browser

Il supporto browser rimane al momento limitato alle ultime versioni dei principali browser. Di seguito una tabella riassuntiva. Per i dati mi sono basato sulla tabella di Caniuse.com, al momento aggiornata al 19 gennaio 2014.

cross-browser-table

Altre risorse

Conclusioni

Come abbiamo potuto vedere, il modello Flexbox ci fornisce degli ottimi strumenti per costruire layout complessi e per controllarne facilmente il comportamento in base alle differenti viewport. Questa caratteristica risulta molto efficace nel responsive webdesign, ma non solo. È in grado di rendere più semplice anche la progettazione di applicazioni web dinamiche nelle quali, ad esempio, vogliamo ridimensionare e riordinare alcuni elementi in base a un comportamento dell’utente. Diventa sufficiente impostare alcune proprietà e il modello Flexbox esegue i calcoli al nostro posto.
L’unica nota dolente rimane il supporto browser che confina l’utilizzo di questa tecnica alle ultime versioni. Non credo che il supporto a Flexbox verrà esteso alle vecchie versioni, di conseguenza l’unica pratica possibile rimane quella di progettare delle solide applicazioni web utilizzando tecniche standard e arricchirle nella visualizzazione sui browser di ultima generazione con tecniche più moderne, come consigliato da Dave Methvin e Rey Bango nel loro articolo “Cross browser development standards & interoperability best practices | Modern.IE“.

Come sempre, potete trovare il codice relativo alla lezione a questo indirizzo!

Tag: , , ,

L'autore

Web designer/developer freelance. Appassionato di letteratura, musica e scienza, vivo in Austria dalla fine del 2012 da dove gestisco un blog per italiani all’estero.
Lavoro prevalentemente in HTML/CSS/jQuery su piattaforma WordPress. Poco amante dei fronzoli fuori controllo, mi affido totalmente a Sublime Text 2.

Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

5 commenti

    • Emiliano Soravia
  1. Emiliano Soravia

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback disponibili per questo articolo

Lascia un Commento