HTML5 Mobile app: transizioni ed animazioni CSS3: parte1

Sicuramente avrai già sentito parlare di applicazioni mobile create completamente in HTML5, CSS3 e Javascript, o magari abbinando questi tipi di linguaggi con quelli nativi, come nelle applicazioni “ibride”.

Forse potrebbe interessarti l’ottimo post di Smashing Magazine sulle applicazioni ibride: Best Of Both Worlds: Mixing HTML5 And Native Code.

In questo articolo vorrei riflettere su quali strade poter percorrere per creare effetti accattivanti e controllare le animazioni in ambito mobile.

Sviluppare HTML5 mobile app con CSS3 e Javascript

Per facilitare lo sviluppo di applicazioni web sono nate numerose librerie e framework che consentono di ricreare, tramite HTML, interfacce pressoché identiche (o comunque molto simili) a quelle realizzate in maniera nativa. Tanto per citarne alcune, ecco una breve lista di mobile frameworks:

Una soluzione alternativa è quella di scrivere manualmente il codice CSS e Javascript.

Entrambe le metodologie hanno i loro pro e contro: se da una parte l’impiego dei vari framework rende più facile gestire problemi comuni e utilizzare animazioni standard o funzionalità javascript, dall’altra scrivere personalmente il codice offre molta più libertà di personalizzazione.

Durante le mie esperienze lavorative ho avuto la possibilità di realizzare diverse mobile app, tutte in HTML5, Javascript e CSS, alcune delle quali pubblicate nei vari market stores e altre usate come versione mobile di siti web (tra queste anche due progetti personali: Tint Weather App e Dieta SI o NO?).

Ognuno di quei progetti mi è servito a prendere una netta decisone: scrivere le mie applicazioni da zero.

Il motivo? Performance e fluidità.

E’ vero che i vari framework mettono a disposizione strumenti già pronti come liste, sliders, menu ecc., ma è anche vero che applicazioni create con tali librerie risultano il più delle volte pesanti, scattose e poco reattive.

Ma torniamo al punto.

Sia che si decida di optare per la scrittura manuale del codice che per l’utilizzo di framework appositi, la presenza di animazioni come slide-left, slide-right, pop o flip è essenziale per ricreare un’esperienza che sia conforme a quella di applicazioni native.

La metodologia con cui vengono realizzate incide notevolmente sulle prestazioni, soprattutto nel caso di dispositivi mobile, che per caratteristiche hardware sono meno potenti di quelli desktop.

Animazioni imperative ed animazioni dichiarative

Gli sviluppatori possono decidere di animare gli oggetti DOM tramite Javascript (animazioni imperative) e tramite CSS (animazioni dichiarative).

Animare usando Javascript permette un controllo maggiore, in quanto avviare, mettere in pausa, interrompere o cancellare un effetto risulta molto semplice.

Tuttavia questo tipo di approccio presenta un difetto che non è possibile ignorare: le animazioni vengono eseguite nel main thread del browser, che è già occupato da altri javascript o dai processi di rendering degli elementi.

Per cui capita spesso che lo spazio disponibile nel thread venga conteso, aumentando di conseguenza la possibilità che alcuni frame che compongono l’animazione siano completamente ignorati (producendo fastidiosi sfarfallii o movimenti scattosi).

Animando tramite CSS3 abbiamo invece il vantaggio di lasciare al browser l’ottimizzazione delle prestazioni; esso infatti organizzerà da solo l’esecuzione dei frames, svolgendo inoltre parte delle operazioni all’infuori del main thread.

Contrariamente alle animazioni imperative, per quelle dichiarative il controllo risulta molto difficoltoso. Per cui diventa più difficile sincronizzare tra loro più animazioni, ed è quindi più facile commettere errori.

Sempre tenendo in considerazione il loro impiego in ambito mobile, decidiamo di puntare sulle performance, per cui la scelta ricade sulle animazioni dichiarative.

 HTML-mobile-app-animazioni-e-transizioni-CSS3

Alcuni esempi di animazioni facilmente riproducibili con i CSS3

Forse può interessarti questo post su come ottimizzare animazioni CSS3 per le performance.

Come controllare le animazioni CSS3

Agendo da CSS abbiamo a disposizione due tipi di proprietà: la transition e l’animation. La prima permette di applicare un effetto graduale su di un elemento DOM nel momento in cui viene modificata una proprietà.

La seconda invece agisce in modo diverso: il suo compito è quello di applicare all’elemento interessato un’animazione precedentemente dichiarata e formata anche da più di due stati. La proprietà animation offre un controllo più dinamico, in quanto è possibile controllarne i vari step.

In questa prima parte ci limiteremo a vedere le possibili strade per controllare effetti creati con la proprietà transition, mentre nella seconda parte vedremo come controllare la proprietà animation.

Avviare e mettere in pausa un effetto transition

Per dare inizio ad una transizione basterà modificare l’attributo CSS “scatenante”. Prendiamo in considerazione un’ipotetica animazione che mostra in dissolvenza la  div “#mydiv”:


#mydiv{
	margin:0 auto;
	width:100px;
	height:100px;
	background: blue;

	opacity: 0;

	-webkit-transition: opacity 5s;
	-moz-transition: opacity 5s;
	-ms-transition: opacity 5s;
	-o-transition: opacity 5s;
	transition: opacity 5s;
}

#mydiv.show{
	opacity: 1;
}

La proprietà scatenante in questo caso è l’opacity, e quando sarà modificata, l’effetto avrà inizio e durerà 5 secondi. Per poter avviare l’animazione basterà semplicemente aggiungere la classe “show” alla nostra div:

//javascript classico
var div = document.getElementById("mydiv");
div.className = div.className + " show";
//jquery
$("#mydiv").addClass("show");

Ecco il risultato: demo

Se vogliamo invece mettere in pausa un effetto transition per poi riavviarlo in un secondo momento, dovremo usare il metodo getComputedStyle nel caso di javascript classico, o il metodo .css  nel caso di jQuery:

//javascript classico
   var div = document.getElementById("mydiv");
   //start
   div.classList.add('show');
   //pause
   var computedStyle = window.getComputedStyle(div),
   opacity = computedStyle.getPropertyValue('opacity');
   div.style.opacity = opacity;
   div.classList.remove('show');

//jquery
   //start
   $("#mydiv").addClass('show');
   //pause
   var opacity = $("#mydiv").css("opacity");
   $("#mydiv").removeClass("show");
   $("#mydiv").css("opacity", opacity);

In poche parole per l’avvio o la ripresa dell’effetto aggiungiamo la classe “show”, mentre per metterlo in pausa riprendiamo il valore della proprietà “scatenante” nel momento in cui vogliamo fermare l’animazione; poi rimuoviamo la classe “show” ed aggiorniamo quella proprietà con il dato appena acquisito.

Risultato: Demo

Conclusioni

Controllare la proprietà transition e animation rappresenta un vantaggio molto grande se si vuole rendere più piacevole l’esperienza utente dei nostri prodotti, soprattutto se il nostro intento è quello di realizzare una mobile app in HTML5, CSS3 e Javascript.

Utilizzando questa tecnica unita a molte altre ho creato per i miei clienti oltre 10 applicazioni mobile, tra cui due progetti personali: Tint Weather App e Dieta SI o NO?.

Se anche tu sei un web designer e vuoi realizzare la tua applicazione mobile da distribuire nei vari stores, continua a seguirci!

Arriveranno presto nuovi articoli di approfondimento sull’argomento, per rendere la tua mobile app fluida e reattiva come quelle native.

Master per Web Designer Freelance
In tutti questi anni abbiamo ricevuto centinaia di richieste di approfondimento sulle numerose tematiche del web design vissuto da freelance. Le abbiamo affrontate volta per volta. Ma ci siamo resi conto che era necessario fare qualcosa di più. Ecco perché è nato One Year Together, un vero e proprio master per web designer freelance che apre finalmente le porte al mondo del lavoro.
Scopri One Year Together »
Tag: , ,

L'autore

Web Designer Freelance e Developer (conosciuto anche come upCreative), si occupa del design e dello sviluppo di applicazioni web dal 2008; è abituato a gestire più ruoli e spaziare su più campi, ma le sue passioni principali sono realizzare interfacce in html5 e CSS3 e testare continuamente nuove tecniche di content marketing. Sta scrivendo un e-book su come realizzare mobile app (http://www.upcreative.net/html-mobile-accelerato/)

Sito web dell'autore | Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

14 commenti

  1. Andrea
  2. Andrea
  3. Davide

Trackback e pingback

  1. HTML5 Mobile app: transizioni ed animazioni CSS...
    […] Sicuramente avrai già sentito parlare di applicazioni mobile create completamente in HTML5, CSS3 e Javascript, o magari abbinando questi …
  2. HTML5 Mobile app: transizioni e animazioni CSS3 (parte 2) | Your Inspiration Web
    […] prima parte di questa mini guida abbiamo parlato dei concetti di animazioni imperative/animazioni dichiarative, […]
  3. Le 6 migliori tecniche per aumentare le performance di una HTML5 Mobile App | upCreative
    […] HTML5 Mobile app: transizioni e animazioni CSS3 – parte 1 […]
  4. HTML Mobile App: 5 Consigli per aumentare le performance | Your Inspiration Web
    […] articoli precedenti (HTML5 Mobile App: transizioni ed animazioni CSS3 parte 1 e parte 2) abbiamo visto come poter realizzare …
  5. Come realizzare la view di una HTML Mobile App con tab-bar animata | Your Inspiration Web
    […] HTML5 Mobile app: transizioni ed animazioni CSS3: parte 1 […]

Lascia un Commento

Current day month ye@r *