Come realizzare un’analisi di mercato low cost?

Se hai intenzione di avviare un’attività professionale o imprenditoriale, nonostante i tempi e le prassi burocratiche da seguire il percorso risulta sostanzialmente semplice. Il compito più arduo sarà mantenerla attiva con buoni profitti. Un tempo erano necessari 3 anni per valutare l’effettivo rendimento di un’impresa, mentre oggi bastano solo 6 mesi, che in alcuni casi possono persino decretarne la chiusura.

Un’errata valutazione iniziale di rischi e opportunità può portare alla creazione di un’attività che produce debiti e che nel tempo può portare al fallimento. Per questo è opportuno esaminare tutte le variabili che influiscono in maniera determinante sulla vita dell’impresa, e condurre un’attenta analisi di tutti gli ambiti in cui l’impresa andrà ad agire.

Indagine di marketing low cost

L’indagine di marketing low cost ha come obiettivo proprio quello di individuare e ridurre al minimo i rischi che un’impresa corre. Se dunque vuoi avviare un’attività o sei già attivo sul mercato, il primo passo da compiere è l’analisi di mercato, uno studio che offre un quadro di riferimento della situazione in cui operi o intendi operare, che fornisce una serie di dati statistici di mercato, sugli abitanti dell’area esaminata e che propone una stima dei fatturati realizzabili.

Per svolgere un’analisi attenta e dettagliata è necessario valutare le potenzialità e i limiti del mercato in cui vuoi agire, quantificare e localizzare il target a cui è rivolto il prodotto/servizio che proponi, considerare la possibilità di conquistare nuove tipologie di clienti, tener conto dei competitor e del loro modus operandi.

Per conoscere le tendenze di mercato basta andare su www.tendenzeonline.info, mark-up.it o largoconsumo.it e si ha immediatamente una panoramica del mercato Italia con tutte le sue peculiarità, opportunità e minacce.

Indagine demografica

La prima analisi da effettuare è quella demografica che ti permette di conoscere il numero di abitanti di una determinata area, la densità di popolazione, le fasce di reddito, le professioni, le età. Un modo semplice e rapido ma soprattutto low cost per reperire macro dati sul territorio e sulla cittadinanza a cui sei interessato è visitare i siti: www.comuni-italiani.it, o il comune dove intendi avviare l’attività, o ancora il sito Istat.it.

Geomarketing low cost

La seconda analisi è quella di geomarketing, che ti permetterà di conoscere il numero delle aziende presenti in un determinato territorio o una tipologia di imprese in particolare, o ancora potrai conoscere chi, quanti e dove sono localizzati i tuoi competitor.  Basterà incrociare i dati presenti sui seguenti portali:

  • Camere di Commercio della relativa provincia,
  • Confcommercio
  • Unioncamere
  • Paginegialle.it
  • Telextra.com
  • Kompass.it
  • guidamonaci.it

Per avere un quadro completo della situazione in cui agirà la tua impresa, un altro aspetto importante da definire è il  bacino d’utenza che significa invece circoscrivere l’area geografica da cui possono provenire i tuoi clienti, una variabile che dipende dalla posizione e dalla visibilità del tuo punto vendita/ufficio.

A questi dati bisogna aggiungere altre due informazione importanti da reperire, una legata al patrimonio edilizio e ai progetti urbanistici:  se infatti la tua attività occupa una zona in cui è prevista un’espansione edilizia, è importante conoscere in anteprima eventuali progetti, rivolgendosi agli uffici tecnici comunali o e la seconda è se vi sono opportunità di finanziamento per l’insediamento in una determinata area. Ovviamente per chi opera sul web questo problema “spaziale” non si pone.

Acquisite tutte queste informazioni geo-demografiche, si passa alla valutazione sul campo della zona e dei competitor, in pratica si fa una visita fisica sul posto in cui si intende operare determinando nell’ambito di un raggio di 100 metri le seguenti variabili:

  • quante attività simili a quella nostra ci sono
  • quale dimensione hanno
  • ricchezza dell’assortimento (numero di refernze ed ampiezza di gamma)
  • immagine e dalla notorietà dell’azienda
  • conformazione del territorio
  • viabilità – presenza di parcheggi, zona ad alto traffico.

L’ultima fase è quella di stimare realmente i consumi in determinati momenti della settimana per determinare la vivacità della zona e soprattutto per fare una proiezione di massima dei fatturati. L’analisi va fatta controllando il numero di scontrini emessi a fine giornata da commercianti ns. concorrenti o semplicemente da attività che registrano grandi movimentazioni come bar, tabacchi ecc…

Fatte tutte queste analisi low cost sei pronto per decidere il futuro della tua attività!

Master per Web Designer Freelance
In tutti questi anni abbiamo ricevuto centinaia di richieste di approfondimento sulle numerose tematiche del web design vissuto da freelance. Le abbiamo affrontate volta per volta. Ma ci siamo resi conto che era necessario fare qualcosa di più. Ecco perché è nato One Year Together, un vero e proprio master per web designer freelance che apre finalmente le porte al mondo del lavoro.
Scopri One Year Together »
Tag: , , ,

L'autore

Alessandro Martemucci è laureato in Marketing e Comunicazione. Associato AISM. Attualmente ricopre il ruolo di Responsabile Marketing e sviluppo di Web Business per diverse Pmi, enti e associazioni. Ha pubblicato il portale marketinglowcost.it dove vige una sola regola: “del marketing non si butta via niente”.

Sito web dell'autore | Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

6 commenti

Trackback e pingback

  1. Come realizzare un’analisi di mercato low cost? | Your Inspiration Web | Direct Marketing System
    [...] Come realizzare un’analisi di mercato low cost? | Your Inspiration Web Come realizzare un’analisi di mercato low …

Lascia un Commento

Current day month ye@r *