Come sviluppare un widget complesso (2/3)

Nel precedenete tutorial abbiamo iniziato a dare forma al widget che stiamo sviluppando. Le due tabs sono pronte per ricevere i contenuti che dovremo estrarre dal database. Quindi iniziamo subito a scoprire come si interroga il database di WordPress.

$wpdb: le chiavi di casa

La gestione del database di WordPress é basata sulla libreria ezSQL; tutti gli strumenti che servono (metodi e proprietà) li troviamo nell’oggetto $wpdb.
Sebbene a livello teorico potremmo utilizzare le funzioni native di php (ogni volta che WordPress carica una pagina stabilisce anche ovviamente la connessione al db) per lanciare le nostre query al database, questa procedura é vivamente sconsigliata. Vedremo subito perché.

Implementare il metodo _getMostComment

Iniziamo dunque dal metodo più semplice da implementare cioé _getMostComment che restituirà gli articoli più commentati.

Si tratta di una semplice query sulla tabella wp_posts nella quale selezioneremo il titolo del post (post_title), il suo permalink (guid) ed il campo dove viene registrato il numero di commenti (comment_count). Dovremo poi fare una distinzione per evitare che la query tenga conto anche delle pagine (il post_type dovra essere “post”). In seguito dovremo ordinare il risultato in base al campo comment_count ed infine limiteremo i risultati a quanto contenuto nell’opzione num_most_comment.
Tutto questo in SQL diventa così

$sql = 'SELECT post_title,guid,comment_count FROM wp_posts
        WHERE post_type=\'post\'
        ORDER BY comment_count DESC
        LIMIT 0,' . $instance['num_most_comment'];

Fatto? Bene, hai commesso il primo imperdonabile errore. Infatti chi dice che il prefisso delle tabelle debba essere wp_ ?

  • Prima dell’installazione é possibile configurare un prefisso diverso da quello standard (wp_).
  • In un installazione network di WordPress, come abbiamo visto, le tabelle dei sottositi hanno questa forma: [prefisso][id_del_sottosito][nome_tabella]

In questi casi, il nostro widget non funzionerebbe.

Per ovviare a questo inconveniente é necessario utilizzare la proprietà prefix dell’oggetto $wpdb che contiene il giusto prefisso delle tabelle.

Dunque al posto di

wp_posts

Scriveremo

$wpdb->prefix . ‘posts’

La proprietà $prefix verrà utilizzata soprattutto quando abbiamo a che fare con tabelle non native. Ad esempio se il plugin che si sta sviluppando necessita di tabelle personalizzate, dovremo indicare il giusto prefisso già a partire dalla creazione della tabella.

Per le tabelle native invece si può disporre di una forma semplificata; ad esempio il nome esatto della tabella dei posts sarà contenuto nella proprietà $posts.

Dunque torniamo al metodo _getMostComment. Inizia a dichiararlo passando come argomento $instance.

private function _getMostComment($instance)
{

Ora portiamo all’interno del metodo l’istanza $wpdb e scriviamo la query in modo corretto, come abbiamo visto

global $wpdb;

 $sql = 'SELECT post_title,guid,comment_count FROM ' . $wpdb->posts .
  ' WHERE post_type=\'post\'
  ORDER BY comment_count DESC
  LIMIT 0,' . $instance['num_most_comment'];

Il modo migliore, in questo caso, per recuperare il risultato della query, é quello di utilizzare il metodo get_results() dell’oggetto $wpdb. Questo metodo restituisce i risultati in forma di oggetti che potremo scorrere con una semplice ciclo foreach.

$result = $wpdb->get_results($sql);
foreach($result as $res)
{
   echo '<li>
   <a href="' . $res->guid . '">' . $res->post_title . '</a>
   <strong>(' . $res->comment_count . ')</strong></li>';
}

Ed ecco il metodo _getMostComment() completo

private function _getMostComment($instance)
    {
        global $wpdb;
        $sql = 'SELECT post_title,guid,comment_count FROM ' . $wpdb->posts .
        ' WHERE post_type=\'post\'
         ORDER BY comment_count DESC
         LIMIT 0,' . $instance['num_most_comment'];

        $result = $wpdb->get_results($sql);
        foreach($result as $res)
        {
            echo '<li>
            <a href="' . $res->guid . '">' . $res->post_title . '</a>
             <strong>(' . $res->comment_count . ')</strong></li>';
        }
    }

Implementare il metodo _getLastPost()

Questo metodo é molto simile a quello che abbiamo visto in precedenza, é solo la query ad essere un po’ più complessa. Dovremo infatti fare una join tra la tabella posts e la tabella users per poter recuperare anche il nome dell’autore dell’articolo (che nella tabella dei post é espresso come riferimento relazionale all’id dell’autore).

Come prima cosa dovremo selezionare le due tabelle:

'SELECT * FROM wp_posts,wp_users

In seguito dovremo allineare il record del post con il corrispondente record della tabella users e richiedere che vengano selezionati unicamente gli articoli.

WHERE wp_posts.post_author=wp_users.ID AND wp_posts.post_type='post'

In seguito l’ordine di selezione, che deve essere per data

ORDER BY wp_posts.post_date DESC

Ed infine la limitazione dei risultati

LIMIT 0, $instance['num_post']

Ed ora riscrivi la query utilizzando le best practices che abbiamo visto in precedenza

$sql = 'SELECT * FROM ' . $wpdb->posts . ',' . $wpdb->users .
        ' WHERE ' . $wpdb->posts . '.post_author=' . $wpdb->users . '.ID AND ' . $wpdb->posts . '.post_type=\'post\'
         ORDER BY ' . $wpdb->posts . '.post_date DESC
         LIMIT 0,' . $instance['num_post'];

Ed ecco il metodo completo

private function _getLastPost($instance)
    {
        global $wpdb;
        $sql = 'SELECT * FROM ' . $wpdb->posts . ',' . $wpdb->users .
        ' WHERE ' . $wpdb->posts . '.post_author=' . $wpdb->users . '.ID AND ' . $wpdb->posts . '.post_type=\'post\'
         ORDER BY ' . $wpdb->posts . '.post_date DESC
         LIMIT 0,' . $instance['num_post'];

        $result = $wpdb->get_results($sql);
        foreach($result as $res)
        {
            echo '<li>
            <a href="' . $res->guid . '">' . $res->post_title . '</a> |
            di: <strong>' . $res->display_name . '</strong> |
            ' . mysql2date('j F Y', $res->post_date)  . '</li>';
        }
    }

Come vedi, ho utilizzato la comoda funzione mysql2date() in grado di trasformare il timestamp di mysql nel formato che passeremo come primo argomento (i parametri sono quelli della funzione date() di php.

Ed ora non resta che decommentare l’esecuzione dei metodi appena sviluppati nel metodo widget per renderlo completamente operativo.

Conclusione

In questo secondo tutorial abbiamo visto un’introduzone alla manipolazione del database di WordPress. La cosa più importante da ricordare é senz’altro quanto sia maledettamente importante l’utilizzo corretto dell’oggetto $wpdb.

Nel prossimo ed ultimo tutorial di questa serie tratteremo l’argomento della localizzazione, ovvero della traduzione in più linguaggi del plugin.

Master per Web Designer Freelance
In tutti questi anni abbiamo ricevuto centinaia di richieste di approfondimento sulle numerose tematiche del web design vissuto da freelance. Le abbiamo affrontate volta per volta. Ma ci siamo resi conto che era necessario fare qualcosa di più. Ecco perché è nato One Year Together, un vero e proprio master per web designer freelance che apre finalmente le porte al mondo del lavoro.
Scopri One Year Together »
Tag: ,

L'autore

Maurizio è sposato con la triade PHP - MySql - Apache e, non pago, ha un'amante chiamata jQuery. Ha un blog dove cerca di descrivere nei minimi particolari sia la moglie che l'amante. La sua vera specialità è la realizzazione di gestionali complessi anche se non rifiuta mai un sito web. +

Sito web dell'autore | Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

3 commenti

Trackback e pingback

Non ci sono trackback e pingback disponibili per questo articolo

Lascia un Commento

Current day month ye@r *