Quali sono i principali metodi per integrare JavaScript nella tua pagina html?

Negli ultimi anni, con l’introduzione di JavaScript le nostre pagine web sono diventate sicuramente più “vive”: effetti fantastici, caricamenti asincroni, interfacce migliorate, hanno reso l’esperienza utente molto più coinvolgente.

All’esponenziale crescita di JavaScript è corrisposto un crescente utilizzo dei link non più come collegamenti ipertestuali, bensì come “pulsanti di azione”. In altre parole, sono dei link vuoti, che servono solo ad innescare un’azione JavaScript. Sebbene tale pratica non sia vista di buon occhio dai puristi del codice (un link che non porta a nulla, non è un link per definizione), non si può negare che sia molto diffusa. Oggi vedremo alcuni metodi per implementare tali link, e i relativi pro e contro.

Primo metodo: inserire il codice javascript nell’attributo href

Probabilmente il metodo più semplice è quello di inserire la nostra funzione JavaScript direttamente all’interno dell’attributo href del link, segnalando al browser che si tratta di un comando JavaScript, in questo modo:

<a href="javascript: codice_javascript_da_eseguire();">Link al codice da eseguire</a>

Come puoi vedere nell’esempio 1, il link funziona correttamente in caso di JavaScript abilitato; in caso contrario invece no, rendendo inusabile il link.

Un piccolo miglioramento si può ottenere utilizzando l’attributo “onclick” per il link in questione, inserendo un valore fittizio ( # ) all’interno dell’attributo “href”, in questo modo:

<a href="#" onclick="codice_javascript_da_eseguire();">Link al codice da eseguire</a>

Parlavo di piccolo miglioramento, perché in caso di JavaScript disabilitato, il browser non si trova gestire l’evenienza di un attributo “href” vuoto (come nel caso precedente). Ma in realtà questo metodo è sconsigliato perché, come puoi vedere cliccando sul link d’esempio 2, una volta eseguito il codice JavaScript, il browser interpreta il cancelletto (#) come un link all’inizio della pagina, scrollando in alto: un effetto decisamente spiacevole.

Si può ovviare a questo inconveniente inserendo una “funzione vuota” all’interno dell’attributo “href” e il nostro codice da eseguire nell’attributo “onclick” così:

<a href="javascript:void(0);" onclick="codice_javascript_da_eseguire();">Link al codice da eseguire</a>

Questo metodo risolve il problema dello scrolling in alto però, oltre a ripresentare la possibilità di attributo “href” vuoto, è noto per causare alcune incompatibilità imprevedibili in determinate situazioni: la non prevedibilità rende trovare questo tipo di errori un’attività molto difficile e frustrante: bisogna quindi usare questa tecnica con molta cautela.

Qual è il metodo migliore?

Dopo questa breve panoramica, ti starai chiedendo quale sia il metodo migliore per rendere i tuoi link più accessibili. Il difetto di tutte le metodologie esposte precedentemente è sostanzialmente uno: non prevedono nessuna alternativa per chi naviga con JavaScript disabilitato e, al contrario di quanto si possa pensare, questa percentuale non è affatto insignificante. Ti basti pensare al sempre crescente numero di persone che navigano con dispositivi mobile, senza dimenticare chi ha lo scripting disabilitato per ragioni di sicurezza, o chi naviga utilizzando screen-readers o browser testuali.

Riprendendo il discorso, il metodo più semplice per migliorare gli esempi precedenti è dare un’alternativa all’azione JavaScript, magari preparando una versione del sito in linguaggio server-side (PHP, C#, Ruby) oppure più banalmente preparando una pagina che informa l’utente che il sito funziona solo con lo scripting abilitato. Il link potrebbe quindi diventare:

<a href="pagina_destinazione_senza_JavaScript.html" onclick="codice_da_eseguire();">Link al codice da eseguire</a>

Vediamo questo metodo in azione nell’esempio 3: se hai cliccato sul link avrai notato che è stato mostrato il testo nella finestra informativa (quindi è stata avviata l’azione JavaScript), e poi il browser si è portato alla pagina “senzaJs.html”. Il motivo di questo comportamento è che all’atto del click su un link il browser controlla se è presente l’attributo onclick: in caso affermativo esegue il codice, ma “ricorda” che l’azione principale che deve eseguire è quella di seguire il collegamento, cosa che avviene non appena la funzione JavaScript termina la sua esecuzione.

Idealmente, quindi servirebbe un modo per “avvisare” il codice JavaScript: “se vieni eseguito, escludi l’azione principale del link”. Questo effetto si ottiene utilizzando “return false;” come valore di ritorno del nostro codice JavaScript, in questo modo:

<a href="senzaJS.html" onclick="codice_da_eseguire(); return false;">Link al codice da eseguire</a>

Questa tecnica è illustrata nell’esempio 4: abbiamo finalmente raggiunto il nostro scopo!

Possiamo ancora migliorare però: avrai sicuramente notato che, dopo aver cliccato il link, è rimasto visibile il bordo (l’outline). Tale bordo, oltre ad essere antiestetico, è anche fuorviante, poiché evidenzia una parte della pagina che ha cessato la sua azione: procediamo quindi ad eliminarlo. In prima battuta si potrebbe pensare di disattivare l’outline da tutti i link tramite CSS, con una regola del genere:

a:link, a:visited {
	outline:none;
}

ma ciò renderebbe difficile seguire i nostri link utilizzando il tasto TAB. Dato che il problema si presenta solo quando JavaScript è attivo (infatti se è disattivato, l’outline non è visibile, in quanto il browser dirigerebbe l’utente alla pagina “senzaJS.html”), utilizziamo JavaScript per eliminare l’outline. In pratica simuliamo un click all’esterno dell’area del link, in modo da deselezionarlo. Per far ciò utilizziamo la funzione “blur()”:

<a href="senzaJS.html" onclick="alert(testo); this.blur(); return false;">Link al codice da eseguire</a>

Ho utilizzato la parola chiave “this” che contiene sempre un riferimento all’oggetto che chiama la funzione: a questo viene applicata la funzione “blur()”, il cui compito non è altro che deselezionare un oggetto, mimando il clic del mouse all’esterno della sua area. Come puoi vedere nell’esempio 5, il link esegue correttamente il codice JavaScript e viene deselezionato, nascondendo così l’outline.

Con questa tecnica i nostri link sono finalmente accessibili, esteticamente piacevoli e funzionali. Ma possiamo ancora andare oltre?

Un passo avanti: eliminare i riferimenti JavaScript dal markup

Gli esempi mostrati finora si riferiscono tutti a codice JavaScript inline ovvero impiantato direttamente nel markup HTML. Anche se questa metodologia è più immediata da comprendere, è bene applicare il principio di separazione spostando tutto il codice JavaScript in file esterni, per almeno due buoni motivi:

  • Manutenibilità: dato che il codice JavaScript è sparso su varie pagine HTML, in caso di errori il debugging è un vero e proprio incubo. I file esterni invece circoscrivono l’area di interesse, facilitando il compito.
  • Caching: ogni volta che un utente richiede una pagina, oltre al markup deve essere scaricato anche il codice Javascript, con tempi di caricamento mediamente più lunghi. Grazie al caching (se abilitato) i file JavaScript esterni vengono scaricati un’unica volta.

Detto questo, vediamo uno dei metodi per portare le funzionalità viste finora “all’esterno”. Possiamo percorrere due strade: JavaScript puro o tramite un Framework JavaScript.

Se non utilizziamo già un framework (come jQuery) all’interno del nostro sito, inserirlo solo per migliorare i link può sembrare uno spreco di risorse inutile: quindi si può pensare di risolvere utilizzando una funzione JavaScript scritta ad hoc. Il markup di cui abbiamo bisogno è il seguente:

<a href="senzaJS.html" id="linkAccessibile">Link Accessibile</a>

Tutto qui: basta specificare l’attributo “href” per la versione HTML e un ID, che servirà da ancora per il codice JavaScript.

Metodo 1: JavaScript “liscio”

Apriamo dunque un nuovo file e definiamo la nostra funzione:

function miglioraLink(){
	//inserire il codice
}

Il primo passo è quello di trovare il link interessato nella pagina. A questo scopo, utilizzeremo la funzione “getElementById();”:

function miglioraLink(){
	//recupera il link con id "linkAccessibile"
	var link = document.getElementById("linkAccessibile");
}

Il secondo passo è quello di applicare a questo link una funzione con il codice da eseguire, seguito dalla chiamata a “blur()” e a “return false”:

function miglioraLink(){
	//recupera il link con id "linkAccessibile"
	var link = document.getElementById("linkAccessibile");
	//associa il codice all'evento click
	link.onclick = function() {
		//qui va il codice da eseguire
		this.blur();
		return false;
	};
}

Ciò che resta da fare è associare questa funzione al caricamento della pagina, tramite la funzione “onload”:

function miglioraLink(){
	//recupera il link con id "linkAccessibile"
	var link = document.getElementById("linkAccessibile");
	//associa il codice all'evento click
	link.onclick = function() {
		//qui va il codice da eseguire
		this.blur();
		return false;
	};
}

//fai partire la funzione!!
window.onload = miglioraLink;

Puoi vedere il funzionamento di questo metodo nell’esempio 6, che mostra un semplice messaggio a video.

Metodo 2: utilizzando un framework

Se già utilizzi un framework per il tuo sito, integrare queste funzioni è ugualmente semplice (Nota: l’esempio si riferisce a jQuery): come nel caso precedente, dobbiamo prima selezionare i link e poi associare all’evento click la nostra funzione. Innanzitutto, creiamo un link con un ID diverso dal precedente:

<a href="senzaJS.html" id="linkAccessibileJquery">Link Esempio 7</a>

Il codice JavaScript deve essere caricato non appena l’albero DOM della pagina è stato caricato, quindi utilizziamo la funzione “ready()”:

$(document).ready(function(){
	//codice da eseguire
});

Utilizzando la funzione $ (alias per jQuery), selezioniamo il nostro link:

$(document).ready(function(){
	//recupera il link
	$('#linkAccessibileJquery')
});

Infine associamo il nostro codice all’evento click, utilizzando la funzione omonima:

$(document).ready(function(){
	//recupera il link
	$('#linkAccessibileJquery')
	//associamo il codice all'evento click
		.click(function(){
				//codice da eseguire al click
				this.blur();
				return false;
		});
});

Questo è quanto: possiamo vedere questo metodo utilizzato nell’esempio 7.

Conclusioni e considerazioni

JavaScript è un linguaggio semplice da imparare ed usare, ma questo non significa che dietro l’implementazione di un effetto grafico o di una funzionalità non debba esserci un’attenta pianificazione. Sviluppando per il web, tutti gli elementi devono lavorare all’unisono per consentire la miglior esperienza possibile alla più ampia platea possibile.

Master per Web Designer Freelance
In tutti questi anni abbiamo ricevuto centinaia di richieste di approfondimento sulle numerose tematiche del web design vissuto da freelance. Le abbiamo affrontate volta per volta. Ma ci siamo resi conto che era necessario fare qualcosa di più. Ecco perché è nato One Year Together, un vero e proprio master per web designer freelance che apre finalmente le porte al mondo del lavoro.
Scopri One Year Together »
Tag: , ,

L'autore

Appassionato di web design, si diletta a creare dei layout (X)HTML+CSS. È un maniaco del codice pulito e ordinato, il tipo di persona che vi ritrovate in casa a raddrizzarvi i quadri appesi alla parete. Ha deciso che diventerà un web designer con la “doppia vvu” maiuscola, e trascorre intere nottate sveglio per realizzare il suo sogno.

Sito web dell'autore | Altri articoli scritti da

Articoli correlati

Potresti essere interessato anche ai seguenti articoli:

11 commenti

Trackback e pingback

  1. uberVU - social comments
    Social comments and analytics for this post... This post was mentioned on Twitter by jubstuff: RT @YIW Quali sono i principali …
  2. jQuery: imparare le basi con toggle. Mostra e nascondi con stile! | paitadesignblog
    [...] un’altra risorsa che illustra in modo esauriente questa [...]

Lascia un Commento

Current day month ye@r *